il paese di succisa

Template Joomla scaricato da Joomlashow

  • PDF

modi di dire in dialetto succisano

  • Section: documenti - Category: documenti
  • Wednesday, 25 March 2009 18:08
  • Last Updated Sunday, 03 December 2017 12:53

Modi di Dire in dialetto

Modi di dire in dialetto:
MODI DI DIRE
Matu cmè Giarela
TRAD: Matto come Giarella
Non è ben chiara l’origine di questo modo di dire ma a quanto pare Giarella non doveva essere una persona particolarmente savia
Mati d’Paulon
TRAD: I matti di Paolone.
Si usa questa appellativo in particolare per le persone che fanno le bizze
Fiö e cagnó
TRAD: Bambini e cani
A volte quest’espressione è l’equivalente di ‘cani e porci’; talvolta si usa dire che nei momenti meno opportuni capitano tra i piedi ‘fiò e cagnò’
Gramu cmè l’arsìa
TRAD: Cattivo come l’ersilia
L’ersilia dovrebbe essere un’erba dal gusto non particolarmente gradevole
Sbrascu cmè al granzöle ( d'agustu)
TRAD: Grezzo come la grandine  ( in agosto)                                                                                                                                                                                                                   Sbrascu cmè l'porcu                                                                                                                                                                                                                                                 TRAD: Grezzo come il maiale                                                                                                                                                                                                                                        Essru un piuciu arfatu
TRAD: Essere un pidocchio rifatto
Si dice di persone che , pur avendo le possibilità di fare altrimenti, si comportano come pidoccchi
Arivaru prima a’i ossi ca a la pela
TRAD: Arrivare prima alle ossa che alla pelle
Il significato di quest’espressione è quello di essere molto diretti e inequivocabili
Essru merda e culu
TRAD: Essere cacca e sedere
Si dice di persone molto legate tra loro.                                                                                                                                                                                                                      Magru cmè n'usu                                                                                                                                                                                                                                                         TRAD: Magro come una porta

ALTRI PROVERBI E MODI DI DIRE

Santa Barbara, San Simon, Dio n’in guarda dai lăndi e dai tron;
da fogu e da fiama, da morta subitana

TRAD: Santa Barbara, San Simone, Dio ci protegga dai lampi e dai tuoni;
da fuoco e da fiamma, da morte subitanea

Tuti i sasi văn al maseròn
TRAD: Tutti i sassi finiscono nella pietraia

Con questa metafora si intende che tutte le persone di un certo stampo fanno la stessa fine

Salà cme ‘n tosgu
TRAD: Salato come un veleno

In origine il ‘tosgu’, era la persona di origine toscana. I Succisani non si sono mai sentiti toscani e non nutrivano particolare simpatia per questa popolazione. Ecco perché la parola modernamente ha il significato di veleno

Gonfiu cmè’n balòtu
TRAD: Gonfio come un baletto

                                                                                                                                                                                                                     Essru tridu cme u luccu:                                                                                                                                                                                    TRAD: Essere trito come la pula.                                                                                                                                                                                           

 E' un modo originale  per sottolineare che ci sente a pezzi

I ‘baletti’ sono le castagne lessate in acqua bollente, che con la cottura si gonfiano. Quest’espressione è usata per chi ha mangiato abbastanza o , in senso dispregiativo, per le persone non particolarmente magre

Broina, o acqua o noiva, la gh’inguoina
TRAD: Brina, o l’acqua o la neve la indovina

La brina è presagio del cattivo tempo imminente

L’orbo in cănta par niointu
TRAD: L’orbo non canta per niente

Una volta i ciechi chiedevano l’elemosina intonando dei canti. Oggi si usa quest’espressione per dire che chi si occupa di un lavoro, anche se lo fa solo per amicizia o per piacere, deve venire giustamente ricompensato

Non nevica bene se dalla Corsica non viene

E’ una curiosità che questo modo di dire non abbia mai avuto una traduzione dialettale.
di Mattia Monacchia

Essru cme la mola d'suttu                                                                                                                                                        TRAD: Essere come la mola di sotto

La mola è una parte del mulino ad acqua divisa in superiore e inferiore. Mentre la parte superiore si muove, quella inferiore sta ferma. Questo modo di dire quindi significa essere lenti, che ci se la prende comoda, che ci si arriva dopo

Essru cme la mnestra d'Buzon                                                                                                                                                 TRAD: Essere  come la minestra di Buzon                                                                                                                                    Tale Buzon aveva preparato una volta una minestra che passò allo storia per quanto era buona, peccato che la miseria dei tempi lo costrinse a prepararne una quantità limitata. Dire che qualcosa è come la minestra di Buzon, significa che è molto buono, molto bello, di gran qualità, ma che scarseggia in quantità.

Noigru cme un fron                                                                                                                                                        TRAD:  Nero come un fron 

 Il fron è un fungo velenoso simile al porcino per aspetto che al tatto assume una colorazione bluastra-scura e si fa distinguere dall'ottimo porcino proprio per questo scurimento

Par forza a'n se fò niònca l'asoidu                                                                                                                                           TRAD: Per forza non si fa neanche l'aceto

La gh'è alta OPPURE la gh'è da sgaru alta                                                                                                                                          

TRAD. C' è alta, OPPURE c'è da segare alta.

 Questo modo di dire, ormai in disuso, significa che c'è poco movimento. Per esempio andare al  mercato  e trovare pochi banchi o poche persone è un occasione in cui la gh'è alta. Da segare alta probabilmente era in passato  il riferimento all'erba nei campi ,  e si usava  quest' espressione in senso ironico.

 Diavlu ar meju                                                                                                                                                                                                                                                         TRAD: Diavolo il meglio

Si usa quest'espressione quando si parla di due persone entrambe non particolarmente brave.

A' t' tegnu u rè cme Linzoin                                                                                                      TRAD: Ti tieni il re come Lenzino. 

Quest'espressione è usata per i giocatori di scopone che si tengono il re per l'ultima mano, poichè quasi sicuramente consente di tagliare qualche carta, come faceva questo Lenzino

Ignurântu cme Didon

I TRAD: Ignorante come Didone.

Sicuramente il riferimento non è al personaggio mitologico dell'Eneide.

Aveghi a drè pÜ ca l'asi dal Gunelu.                                                                                               TRAD. Averne addosso ( di acciacchi, malattie, affanni, problemi) più che l'asino del Gonnello.

Evidentemente  l'asino della citazione non godeva di buona salute.

A gh'è da ligasu                                                                                                                       TRAD:  C'è da legarsi.

Singolare espressione che si usa in riferimento a cose di cattiva qualità. Per esempio, quando si beve un bicchiere di vino cattivo o  si mangiano cose  che non hanno niente di buono, si dice che <c'è da legarsi>

Sveltu cme la pura                                                                                                                     TRAD: Svelto come la polvere

Taiaru cme 'l fÖgu                                                                                                                   TRAD: Tagliare come il fuoco

 

file formato .pdf

Condividi su Facebook