il paese di succisa

Template Joomla scaricato da Joomlashow

Avviata la lotta biologica contro la vespa cinese

User Rating: / 0
PoorBest 

 La Cooperativa Giogallo e gli apicoltori di Succisa  si sono uniti nella battaglia contro il cinipide galligeno, meglio noto come vespa cinese, l’insetto che  nidifica nei castagni compromettendo gravemente la produzione dei frutti. I dirigenti della Cooperativa e gli apicoltori di Succisa, per contrastare l’effetto distruttore della vespa,   hanno acquistato da un laboratorio scientifico dell’Università di Torino 4 lanci di Torymus Sinensis, l’insetto antagonista che  si nutre delle larve del cinipide. Ogni lancio è costituito da  11 provette con 15 esemplari ( 10 femmine e 5 maschi ) di Torymus.  Il ritiro  dei lanci è avvenuto mercoledì 30 aprile davanti agli uffici comunali di Calice al Cornoviglio (Spezia) insieme alle rappresentanze di altri apicoltori e cooperative della zona, ma anche privati che hanno deciso di  salvaguardare i castagneti dei propri paesi, nel caso pontremolese anche Torrano e Arzelato. Dopo aver ascoltato le indicazioni delle ricercatrici dell’Università Chiara Ferracini ed Ester Ferrari, giovedì 1 maggio i dirigenti della Cooperativa Giogallo  hanno provveduto al rilascio degli insetti nei castagneti di Succisa e Grondola. Da sottolineare che  l’acquisto del Torymus è stato interamente pagato dalla Cooperativa e dagli apicoltori, senza il contributo di nessun ente pubblico.  Soddisfatti al termine delle operazioni i  vertici della Coop: <La salvaguardia dei castagni, piante simbolo del nostro territorio, che hanno sfamato per millenni le popolazioni d’Appennino- hanno detto all’unisono- era un dovere morale. Nella nostra tradizione e nella nostra storia il castagno è davvero l’albero del pane. Vogliamo invitare, dato che i costi non sono eccessivi,  anche le altre cooperative e gli altri consorzi pontremolesi, in particolare quelli della Valdantena e di Guinadi, a seguire il nostro esempio,  per fare un’azione di massa contro la vespa cinese.  Sicuramente noi effettueremo i lanci di Torymus anche il prossimo anno>.

 A ritirare i lanci erano presenti: il presidente Monacchia Gino, il vice Marzocchi Walter, il consigliere Donati Benito, la socia e apicoltrice Micheli Mirna, il socio Monacchia Mattia.

A effettuare  i rilasci erano presenti il presidente Monacchia Gino, il vice Marzocchi Walter, il segretario Federico Marcello, il consigliere Donati Benito e il socio Monacchia Mattia

Nelle prossime ore, sul blog Appennino Terra di Frontiera, saranno visibili le fotografie dell'operazione effettuata.

Condividi su Facebook